Poesia dedicata a Villa Gianna

 

VILLA GIANNA

Si vai verso Sabaudia giù l’agro pontino
c’è stà n’appezzamento che cortivato a vino
si guardi mpò pò più avanti c’è er mare che lo bagna
nun attraversi L’Eden te trovi a Villa Gianna

sta terra profumata de pesche e de limoni
de prugne de cocommeri de pere e de meloni
l’essenza de sti frutti che crescheno lintorno
danno nsapore al vino che unico nere  monno

lo versi ner bicchiere limpido e cannellino
l’assaggi sembra nettare ma è solo er nostro vino
c’ià ngusto celestiale elegante e raffinato
c’è bagni le pietanze aggiusti ogni palato

da Bacco a Apollo e Venere sti Dei così importanti
da tempo immemorabbile so gia nostri crienti
dar tempo dei romani lo famo ancora adesso
stò vino profumato ha fatto ngran progresso

co gusti assai diversi decisi e ben sicuri
arzanno li bicchierei ve famo tanti auguri
lo famo con affetto sincero e genuino
perche’ avorte un brindisi te po’ cambia’ er Destino

sta gioia der palato va bene ogni staggione
n’a vorta che lo bevi nun cambi più opinione
stò frutto der lavoro nun è come la manna
si voi beve un stò vino lo trovi a Villa Gianna

 

GIACOMO ANTOGNARELLI